Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici provenienti dal contatore visite Shinystat

Pozza di Fassa (Trentino)
Luglio 2008
page30_1
Pozza di Fassa
Dopo tante vacanze in Camping (camper o roulotte), abbiamo deciso di trascorrere una vacanza in hotel, formula mezza pensione, serviti e riveriti.
Perchè ogni tanto, una vacanza senza cucinare e lavare pentole, a noi non dispiace (soprattutto a Donna Clara...).
Quindi, avendo a disposizione la prima settimana di Luglio (come aperitivo alle ferie al mare in Agosto), ci siamo concessi una settimana in montagna, meta: Pozza di Fassa in Val di Fassa (Trentino), nel bel mezzo delle Dolomiti, Hotel Renè.
Stacks Image 112
Stacks Image 114
L’albergo, consigliato da amici, è un’ottima struttura, defilata rispetto alla trafficata strada e con un servizio ristorante eccellente (circa 2 Kg in più a testa a fine vacanza).
L’albergo è a pochi passi dal bel (e piccolo) centro, dove ci sono negozi, bar, ristoranti e giochi per bambini.
Mezza pensione, in montagna, per noi è stato l’ideale, in quanto durante il giorno, facendo gite ed escursioni, mangiavamo al “sacco”, mentre alla sera abbuffata totale con pronto recupero (e sorpasso...) dei Kg persi durante le camminate...
Con bimba di 3 anni (e genitori poco allenati...), non si possono fare escursioni difficili e impegnative, pertanto le gite che vado a raccontare, non sono certo adatte a chi vuol fare trekking, ma possono fornire buone idee a famiglie con bambini.
Ciampedie 
page30_4
Da Vigo di Fassa, tramite la funivia, si raggiunge il rifugio Ciampedie a 2000 mt.
Lo scenario che appare, al capolinea della funivia è spettacolare: si arriva ad un altopiano, dove è ubicato il rifugio, circondato dalla cornice Dolomitica formata dal gruppo del Catinaccio.
Stacks Image 197
Stacks Image 200
Sull’altopiano sorge un bel parco giochi a pagamento (gli Hotel sono convenzionati).
Da lì partono parecchi sentieri. Noi abbiamo fatto una bella e semplice passeggiata di circa 40 minuti (no passeggino, bimba in spalla) che ci ha condotto al rifugio Gardeccia.
Stacks Image 187
Stacks Image 190
Tra passeggiate, relax, parco giochi per Besughina e la vista meravigliosa,favorita anche dal bel tempo, abbiamo passato una giornata intera in un luogo che merita davvero.
Parco naturale di Paneveggio
Per raggiungere Paneveggio(B), da Pozza(A), bisogna scendere fino a Predazzo e prendere per il passo Rolle.
page30_9
A Paneveggio abbiamo fatto una bellissima passeggiata dentro la foresta, dove c’è un bel sentiero che riconduce al punto di partenza. Lungo il tragitto sono posti cartelloni informativi sulla ricchezza faunistica e botanica della foresta.
Stacks Image 177
Stacks Image 180
Anche qui la passeggiata è molto semplice e adatta ai bambini e l’ombra della foresta, con il caldo di luglio, è molto piacevole.
Dopo la visita alla foresta, abbiamo percorso un breve sentiero che ci ha condotto nella riserva dei cervi.
Aldilà del recinto, abbiamo potuto vedere da vicino e fotografare i cervi, Besughina non stava più nella pelle, come tutti i bambini che erano lì a bocca aperta a guardare questi bellissimi animali.
Stacks Image 167
Stacks Image 170
Cascate Val San Nicolò
page30_14
Un altro itinerario semplice e suggestivo si trova in Val San Nicolò, una valle che si raggiunge proprio da Pozza di Fassa.
Si percorre un tratto di strada fino ad un punto dove il transito veicolare non è più consentito, lì vi è obbligo di parcheggio.
Dopodichè si prosegue a piedi lungo un tratto ancora asfaltato, fino a quando la strada finisce e comincia il sentiero.
Il sentiero è semplice e adatto ai bimbi e porta alle belle cascate. Nei pressi delle stesse c’è un rifugio.
Stacks Image 157
Stacks Image 160
Raggiunte le cascate, il cielo è improvvisamente diventato molto nuvoloso e non prometteva nulla di buono, scoraggiandoci a fermarci nei prati nei pressi delle cascate.
Abbiamo preferito fermarci a mangiare i panini al sacco, nei tavoli di una delle baite presenti lungo il sentiero, un bel sentiero che ci ha portato, tra le tante cose, a vedere e a fotografare delle simpatiche marmotte.
Ciampac
La seconda e ultima funivia utilizzata durante la vacanza è stata quella del Ciampac, da Alba di Canazei.
Anche qui si arriva in un bel altopiano dal quale si domina un fantastico paesaggio, con in evidenza il Sass Pordoi.
Stacks Image 147
Stacks Image 150
Dall’ altopiano partono molti sentieri; noi però abbiamo optato per una breve e tranquilla passeggiata sul prato e un po’ di relax sotto il sole.
Laghi di Carezza e San Pellegrino
Durante la settimana abbiamo trovato il tempo per visitare due laghi, raggiungibili entrambi comodamente in macchina.
Entrambi i laghi sono circondati e costeggiati da un semplice sentiero, ottimo anche questo per i bambini, come si sa, per loro è entusiasmante tirare ogni tanto qualche pietrolina nel lago.
In entrambi i casi i monti attorno al lago e la rigogliosa vegetazione, offrono una cornice suggestiva.
Il primo lago visitato è quello di Carezza, più grande e direi anche più conosciuto dell’altro.
Stacks Image 137
Stacks Image 140
E’ raggiungibile da Vigo di Fassa, dopo il Passo Costalunga.
Il Lago San Pellegrino si trova presso l’omonimo Passo, raggiungibile da Moena.
Stacks Image 127
Stacks Image 130
Aree di gioco
I paesini della Val di Fassa sono molto graziosi e, aldilà dell’aspetto paesaggistico, offrono parecchi servizi pubblici e commerciali. (bar, negozi, souvenir, etc.)
In particolare, per i bambini, sono tante le aree di gioco gratuite, nel verde, ben curate e attrezzate.
Noi abbiamo avuto l’occasione di portare Besughina, nelle aree di gioco di Soraga e Campitello: molto belle, le consigliamo.