Logo Dormouse.it
Logo 1
I miei viaggi
Foto Album
Hobbies
e tecnologia
I miei articoli
Il mio scooter
elettrico

Chi sono
Scrivimi

Questo sito utilizza esclusivamente cookie tecnici provenienti dal contatore visite Shinystat.
Clicca per informazioni sulla Shinystat Cookie policy
Clicca per negare l’uso dei Cookie Shinystat




Bari Sardo (Ogliastra) - Sardegna
“E per un istante ritorna la voglia di vivere a un’altra velocità...”
I treni di Tozeur - Franco Battiato

Vai al FOTOALBUM

DSCF2977

Agosto 2007 - 3 settimane

Franco Battiato in una splendida canzone, I treni di Tozeur, cantava: “E per un istante ritorna la voglia di vivere a un’altra velocità”.
La vacanza d’Agosto, la vacanza in generale, per noi ha questo significato: voglia di vivere a un’altra velocità.
Ovvero: interrompere il ritmo frenetico quotidiano, fatto di orari da rispettare, bombardamenti televisivi, telefonate, SMS, impegni...
Rallentare.
Il modo migliore che conosciamo per farlo, è la vacanza estiva di agosto, quello che per la nostra famiglia, date le esigenze lavorative, è il periodo più lungo di ferie a disposizione.
Tre settimane rappresentano, per chi può permetterselo (purtroppo è una fortuna che non tutti hanno), la durata ideale per una vacanza con questo intento.

La meta scelta per l’estate 2007 è stata la Sardegna, la nostra prima volta in Sardegna, e più precisamente Bari Sardo, nella provincia dell’Ogliastra.
E’ stata anche la prima volta che abbiamo utilizzato la roulottina Rapido Rekord di mio suocero.

DSCF2950

Si tratta di un carrello, un piccolo rimorchio, comodissimo da trasportare, che, grazie alle pareti pieghevoli, diventa una roulotte spaziosa, con tanto di 2 letti matrimoniali, veranda, cucinino a gas.
La comodità principale della roulotte, rispetto al camper è, come è noto, quella di potersi spostare liberamente in macchina, cosa non da poco in zone come la Sardegna in alta stagione.
Il mezzo richiede, di allestimento, un giorno ad inizio vacanza e un giorno a fine vacanza per richiuderlo.
In tre settimane, tale attività è ben ammortizzata.
Ben ammortizzati, in tre settimane, sono anche i costi del traghetto, si fà per dire, perchè in altissima stagione, tra cabina, auto e rimorchio, la cifra spesa è notevole: 750 euro circa.
La tratta effettuata è stata Genova-Olbia, una volta sbarcati, al mattino presto, abbiamo percorso circa 3 ore in macchina per raggiungere Bari Sardo.
Il camping scelto per la vacanza è stato il Camping Marina, una struttura di dimensioni contenute, attaccata alla spiaggia di Bari Sardo, dai servizi puliti, dalle piazzole adeguatamente ombreggiate, dall’animazione sobria e originale. Per intenderci, alla sera non c’era la classica disco dance con i soliti jingle da villaggio turistico, ma una varietà di soluzioni, dal concerto di gruppi musicali, al torneo di ping pong, alla serata varietà, dove i figli dei clienti, con l’aiuto degli animatori, presentavano uno spettacolo fatto di esibizioni varie, come scenette, barzellette, etc.
Il tutto finiva ad orari contenuti, in pratica un ottimo e tranquillo camping per famiglie.

DSCF3179

Chiaramente, oltre al relax e la vita in campeggio all’aria aperta, il filo conduttore della vacanza è stato il mare.
Vado ora a descrivere le spiagge visitate, cominciando da quella che abbiamo frequentato maggiormente, ovvero quella attaccata al camping.




Spiaggia di Bari Sardo

DSCF2958

Non è la tipica spiaggia di sabbia fine e bianca della Sardegna, la sabbia è composta da granelli più spessi e presenta un colore più dorato, che regala comunque una bella colorazione anche al mare.
Per i bambini, non è l’ideale per fare i castelli di sabbia, ma ha la bella caratteristica di togliersi facilmente e di non appiccicarsi alla pelle e agli asciugamani.
Inoltre non è la classica spiaggia dove cammini e cammini prima d’ immergerti completamente in acqua: passati 3 o 4 metri non si tocca più, è l’ideale quindi per chi vuol fare delle nuotate senza allontanarsi troppo dal bagnoasciuga.
Chiaramente ai bambini piccoli occorre dare un occhio di riguardo, ma quello va dato sempre.

DSCF3119

La spiaggia è grande e come tutta la zona, presenta una caratteristica fantastica: non c’è casino!
Il giorno di Ferragosto infatti, quando ci aspettavamo una marea di gente, ci siamo ritrovati in spiaggia con pochissime persone e abbiamo trovato posto persino attaccati alla riva.
Ciò non mi ha comunque impedito di beccarmi, quando ero sdraiato a prendere il sole, un bel gavettone di acqua fredda, da un gruppo di ragazzi alloggiati in camping. Le tradizioni vanno comunque rispettate!




Spiaggia di Cea

DSCF2977

A pochi Km dal camping, a circa un quarto d’ora di macchina, in strade incontaminate e contornate da fichi d’india, si può raggiungere la splendida e selvaggia spiaggia di Cea.
Cea è la tipica spiaggia di sabbia bianca e fine e la considero tra le più belle finora visitate un vita mia.
Il mare brilla di sfumature caraibiche, grazie appunto al bianco colore della sabbia, il fondale degrada dolcememente, niente d’aggiugere, un posto davvero delizioso: feel like heaven!




Spiaggia di Su Sirboni

DSCF3067

Da Bari Sardo, in direzione sud, si raggiunge un tratto di costa più alta e montagnosa.
Lungo il tragitto, dopo pochi Km di macchina, c’è una piccola insenatura, con una bellissima spiaggia circondata da suggestive e frastagliate rocce rosse: Su Sirboni.
Per raggiungerla occorre parcheggiare lungo la strada e fare un sentiero di circa 10 minuti a piedi (se non ricordo male), in quanto l’accesso diretto alla spiaggia è recintato.
In pratica dietro l’arenile, è stato creato un villaggio turistico, ora abbandonato perchè probabilmente abusivo, o forse semplicemente in attesa di permessi, ma non conosco la storia e preferisco non pronunciarmi.
Una cosa mi sento di dirla: privatizzare e recintare luoghi del genere, dovrebbe essere vietato sempre.
La località, inoltre, presenta un’altra trasformazione indegna: la collina che le fa da cornice è stata oggetto, nel recente passato, di un vasto incendio e guardare gli arbusti carbonizzati, immaginando il rigoglioso spettacolo che sicuramente c’era, è un colpo al cuore.

DSCF3062

La spiaggia invece è bellissima, la sabbia è bianca e fine, il mare, come sempre è pulito e la rocce rosse che circondano la spiaggia, creano un delizioso contrasto visivo.
Acqua calda, Besughina entusiasta col suo salvagente a forma di macchinina: provate voi a toglierla dall’ acqua?




Marina di Tertenìa - spiaggia Sa Foxi Manna

DSCF3085


Questa è la località più distante dal camping, raggiunta durante la vacanza.
Si trova in direzione sud e occorre fare circa tre quarti d’ora di macchina per arrivarvi.
Anche quella di Sa Foxi Manna è una fantastica spiaggia di sabbia bianca. La peculiarità del paesaggio è la rigogliosa vegetazione sulla montagna che sovrasta la spiaggia.
Per quel che riguarda il mare, niente da dire, solito splendido, pulito, cristallino mare.

DSCF3091

C’è da segnalare nelle vicinanze della spiaggia, un ottimo e ombreggiato parcheggio, dove c’era un buon numero di camper. Non ho approfondito, ma se vi si può pernottare, per i camperisti è un posto ottimo.
L’unico ricordo negativo della giornata è stato il vento che, dopo mezzogiorno, ha iniziato a soffiare forte. Mi domando se è stato un caso o se è una caratteristica del luogo.




Concludendo...

Tre settimane splendide, aiutate da un tempo fantastico.
Niente in più da aggiungere: un bellissimo ricordo.

Vai al FOTOALBUM